ZOOMAFIA, chi è costei? Spieghiamolo con un convegno!

L’idea di partenza era quella di una presentazione del mio romanzo Bianconero, parlare semplicemente della mia scrittura però, per quanto sempre piacevole per l’autore, mi pareva riduttivo. In fondo i miei romanzi gialli non li scrivo solo per il gusto narrativo, seppur fortemente motivante, il mio scopo è quello di sensibilizzare sul tema della tutela animale, dei diritti e del benessere degli animali.

Sembrano temi scontati, noti a tutti, oddio forse proprio a tutti no. Diciamo almeno a tutti coloro che pubblicano sulle proprie bacheche appelli di teneri gattini e canini in cerca di adozione o condividono terribili atti di violenza che ogni giorno subiscono le creature più silenziose e indifese per mano dell’uomo. Eppure, mi sono resa conto proprio trattando di questo tema, non è così scontato. Che cos’è la ZOOMAFIA? Quali reati include? Che cos’è il maltrattamento animale? Come è individuato, e punito, dalla legge? Chi se ne occupa? E in che modo? Che cosa si può fare? Tante le domande a cui si rende necessario dare risposte puntuali, tecniche, che mettano nero su bianco dati e statistiche, regioni interessate. Domande alle quali volevo che rispondessero persone qualificate a farlo.

È nata così l’idea di un convegno, di una tavola rotonda a cui far sedere le persone che nei modi più diverse sono chiamate a dare risposta proprio a queste, e a tante altre domande. Il primo ad abbracciare l’idea, ci tengo a dirlo, è stato il sindaco del comune in cui risiedevo fino a poco fa, San Giuliano Terme. Nonostante i tanti impegni, Sergio di Maio ha detto “facciamolo” e così ci siamo messi a un tavolo a buttare giù un programma. Per il posto è stato facile, la Locanda Sant’Agata, un bel cascinale ristrutturato vicino a Pisa ma in piena campagna sarebbe stato perfetto. La prima persona che ho subito voluto coinvolgere, ma senza neanche pensarci, è stato Ciro Troiano, perché lui lo fa di mestiere di occuparsi di queste cose, e poi perché il termine “zoomafia” praticamente lo ha inventato lui. Come sua è stata l’idea di istituire, con la LAV, un vero e proprio OSSERVATORIO NAZIONALE, attraverso il quale redige ogni anno un puntualissimo rapporto. Talmente importante e ben fatto che per il 2018 ha ricevuto il patrocinio del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. È a loro che abbiamo pensato subito dopo, o meglio ai Carabinieri Forestali, adesso accorpati nell’Arma, perché la loro attività è rivolta proprio alla tutela dell’ambiente e della fauna. Naturalmente occorreva la presenza delle istituzioni, possibilmente, oltre al sindaco del Comune, gli assessori all’Ambiente – Daniela Vanni per San Giuliano – e Filippo Bedini per il comune di Pisa, che ha anche la delega alla tutela degli animali.

Potevamo così partire dai libri, per poi parlare di questi fenomeni che, purtroppo, come dico sempre, non sono frutto della mia fantasia di autrice ma piuttosto del lavoro di ricerca di giornalista, dato che da anni ormai ho deciso di occuparmi di questi temi. Occorreva poi un coordinatore dell’evento in gamba, in grado di “orchestrare” e dirigere i lavori con professionalità e competenza. Chiara Cini, giornalista del principale emittente TV del nostro territorio e scrittrice, era la persona perfetta. Silenziosa ma fattiva la collaborazione del mio infaticabile editore, Sara Ferraioli, presidente MdS. E per i libri? La voce dell’attore Paolo Giommarelli sarebbe stata perfetta per intervallare agli interventi la lettura di alcuni brani dai romanzi.

E così siamo partiti, tutti hanno detto di sì con entusiasmo, il più era fatto. O almeno così sembrava.

Organizzare un convegno è in realtà una cosa molto faticosa, che comporta impegno e capacità di coordinare tanti elementi diversi. Ma ci siamo riusciti, e il giorno prescelto, sabato 13 aprile, è finalmente arrivato.

Ad aprire l’incontro una lettura tratta dal romanzo Purosangue, poi gli onori di casa del sindaco, che ha voluto evidenziare una particolare sensibilità verso il tema “animali”, al quale non solo è dedicato un apposito sportello comunale ma anche un cospicuo investimento di soldi, destinate a varie azioni di prevenzione e tutela. È stato istituito un protocollo con ENPA e c’è in progetto di realizzare un servizio di ambulanza di pronto soccorso per gli amici a quattro zampe. Anche Daniela Vanni ha evidenziato l’assoluta necessità di investire sulla formazione, anche e soprattutto nell’ambito educativo e scolastico. Filippo Bedini, ha ricordato che una buona società si misura proprio da come tratta gli esseri più indifesi, a partire dagli animali. Ha parlato dei progetti che l’amministrazione comunale intende attuare, ovvero potenziare il canile, creare un gattile, si pensa addirittura a un cimitero per animali; necessaria senz’altro una revisione del regolamento comunale, e incrementare l’apporto delle associazioni.

L’ospite “d’onore” è stato come da programma Ciro Troiano, responsabile dell’Osservatorio nazionale Zoomafia della LAV che, insieme al comune di Pisa, ha patrocinato l’evento. È stato proprio lui a spiegare al pubblico attento che cosa si intenda per zoomafia e perché è stato coniato proprio questo termine, negli anni Novanta, ricordando che si tratta di reati che affiancano sempre al maltrattamento animale un forte interesse economico. Si parla di milioni di euro che circolano intorno, per esempio, alle corse e ai combattimenti clandestini, al traffico di cuccioli, fenomeni che il criminologo ha descritto nei dettagli, citando i numerosi casi di cui si è occupato e che riporta nel Rapporto Zoomafia, che per il 2018 ha avuto il patrocinio del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri.

Proprio quella dei Carabinieri forestali è stata un’altra significativa presenza, il colonnello Luigi Bartolozzi, comandante del Gruppo Carabinieri Forestali di Firenze, ha illustrato con il supporto di slides puntuali, sia dal punto di vista fotografico che numerico, l’attività che viene svolta e che riguarda quattro principali settori: tutela del territorio, della fauna (con la quale si include la tutela animale appunto), rifiuti e incendi. Nel quinquennio 2014-2018 sono stati registrati 1200 reati, 3500 gli illeciti amministrativi, 3 milioni di euro le sanzioni. Il colonnello, accompagnato dalla collega responsabile del comando di Pisa, Monica Flamini, ha descritto con puntualità alcune importanti operazioni: da sequestri di cani allevati in modo illegale e inadeguato, ai controlli su veleni – effettuati con l’ausilio di cani appositamente addestrati –, ai lacci e trappole, fino al traffico di fauna selvatica, alla pesca di frodo in acque interne (citando i famosi granchi cinesi di cui è vietata l’importazione), ricordando anche l’attività svolta dai nuclei CITES (si tratta di 31 nuclei con 5 distaccamenti regionali, uno dei quali si trova a Pisa).

A ringraziare i carabinieri forestali ci ha tenuto anche Massimiliano Ghimenti, sindaco di Calci, presente al convegno che ha voluto ricordare l’importante attività che hanno svolto nei drammatici momenti degli incendi dei Monti Pisani.

Sono stata molto felice anche della presenza e dell’intervento di Maria Mezzasalma, autrice del progetto, che poi è diventato anche un libro, SCATTI DA CANE, fatto di immagini, che sono state anche proiettate, scattate da una prospettiva davvero particolare: il punto di vista dei suoi tre cani, con i quali ha girato l’Europa.

Il dibattito, inframezzato dalle letture e dalle domande del pubblico, è andato avanti per oltre due ore, ed è stato chiuso solo perché la Locanda ci ha ricordato che doveva iniziare a friggere gli stuzzichini, rigorosamente vegetariani, per l’aperitivo, che nel mentre era stati allestito nell’ampio giardino, dove abbiamo continuato a chiacchierare, in compagnia di tanti amici a quattro zampe, non potevano certo mancare!, che hanno partecipato con grande educazione a un pomeriggio davvero importante che si augura possa essere la “prima pietra” di un percorso formativo condiviso su un tema che sta a cuore a un numero sempre crescente di persone: la tutela e il benessere animale.

© Foto di copertina di Luca Fruzzetti – GRAZIE!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...